Urbanistica

4 parchi naturalistici a Vigevano (PV) (con arch.Patricio Enriquez)

Progetto di riqualificazione ambientale “La campagna entra in città per riqualificare i vuoti urbani”

“La campagna entra in città per qualificare i vuoti urbani” è il titolo del progetto del Comune di Vigevano cofinanziato dalla Fondazione Cariplo.

Il progetto si orienta a favore di interventi volti a limitare l’intenso sviluppo territoriale che comporta, sempre più, un elevato consumo di suolo e una massiccia riduzione delle aree naturali e agricole, specie in contesti urbani e peri-urbani, ovverosia nelle frange di città dove l’urbanizzato si scontra con le aree libere dall’edificato. Situazione tipica del comune di Vigevano. In tal senso il comune di Vigevano ha proposto 4 aree di proprietà comunale.

Le città si sono dotate di una serie di spazi che in parte sono rimasti inattuati, privi di identità e non appartenenti ad uno specifico disegno pianificatorio: essi si identificano come “vuoti urbani”.

Il progetto propone nella qualificazione dei 4 spazi aperti:

  • la riattivazione di valenze eco-paesistiche mediante interventi paesistici e naturalistici;
  • il mantenimento e qualificazione di aree naturali (non attrezzate) in ambito urbano e peri-urbano;
  • la deframmentazione di ambienti naturali; •
  • l’incremento della fruibilità sostenibile degli spazi aperti e loro ridisegno e rinaturalizzazione;
  • il mantenimento e riorganizzazione delle fasce arbustive/arboree lungo campi/canali/rogge;
  • la creazione, mantenimento e ampliamento di orti organizzati.

 

La Cerniera verde del nord ovest, Cesate (MI), Caronno Pertusella (VA), Solaro (MI) (con arch. Patricio Enriquez)

Tutela e valorizzazione delle aree libere tra l’urbanizzato

Il progetto persegue il fine di tutelare e rafforzare la biodiversità, attraverso l’individuazione della tipologia e localizzazione degli interventi funzionali alla realizzazione di una importante connessione ecologica tra il Parco delle Groane  e il Parco Locale Sovracomunale del Lura, e più in generale, tra le core areas della rete ecologica della Provincia di Varese e quelle della Provincia di Milano.

Il territorio coinvolto riguarda vaste aree agricole appartenenti ai comuni di Cesate, Solaro e Caronno Pertusella situate a cavallo tra le provincie di Milano e Varese che si sono conservate in un contesto fortemente urbanizzato.

L’obiettivo del progetto è quello di potenziare e incrementare il sistema agricolo già presente in tali aree che supporta la realizzazione del corridoio ecologico di collegamento tra il territorio delle province di Milano, Varese e anche di Monza – Brianza, e di risolvere alcuni problemi di interruzione, dovuti alla presenza di infrastrutture, che attualmente costituiscono delle barriera al passaggio della fauna ed alla effettiva connessione fisica del Parco delle Groane con il Parco del Lura.

Altro obiettivo è il mantenimento e ricomposizione del paesaggio agricolo storico del territorio, oggi in parte trasformato dalle attività antropiche.

Un modello culturale che faccia della responsabilità ambientale collettiva, il perno fondante.

Sistemazione esterna e parcheggio di P.zza Indipendenza, Campione d’Italia (CO) (con arch. Patricio Enriquez)

L’intervento si colloca all’ingresso di Campione d’Italia su P.zza Indipendenza, in adiacenza al Santuario della Madonna dei Ghirli.

Il luogo presenta una forte altimetria che ha condizionato la geometria dell’opera destinata ad accogliere un nuovo parcheggio e relativa sistemazione a verde soprastante, in sostituzione del parcheggio a raso esistente.

In tal senso il progetto propone una soluzione di parcheggio contenuta in una struttura parzialmente interrata. Tale soluzione, utilizzando il dislivello altimetrico esistente tra il viale Marco da Campione ed il Corso Italia, permette di realizzare una struttura che si presenta completamente interrata sul fronte di Corso Italia e parzialmente interrata sul fronte del viale Marco da Campione, proponendosi con un impatto visivo ridotto. L’intento è di realizzare un unico sistema verde/pedonale con l’adiacente Piazza Indipendenza.

Il nuovo parco, così come raffigurato, rappresenta un luogo di passaggio e di raccordo altimetrico tra il Corso Italia ed il sistema lacuale, attraverso il complesso monumentale del Santuario della Madonna dei Ghirli, che rappresenta il principale elemento di riferimento progettuale con cui il progetto intende avviare un confronto dialettico.

 

Il nuovo assetto urbano di Cesate (MI) (con Patricio Enriquez)

Piano di Governo del Territorio di Cesate

Le direttrici che governano l’impianto urbanistico di Cesate si configurano a partire da elementi costitutivi che nascono e si concludono sugli elementi storici fondativi della città (villaggio Ina, Parco Groane), nonché da elementi di recente e nuova costruzione che sono rappresentativi delle principali funzioni pubbliche (centro sportivo, stazione) e che realizzano un nuovo sistema delle connessioni locali. Il sistema delle connessioni locali, dunque, è formato 4 dorsali strategiche necessarie per il consolidamento della “città pubblica”, ovverosia di quelle parti del territorio di Cesate in grado di garantire una forte dotazione di attrezzature pubbliche volte a riqualificare sia l’ambiente urbano, sia di migliorare il grado di vivibilità della popolazione.

 

Piano particolareggiato AT Casinò di Campione d’Italia (CO) (con Patricio Enriquez)

Riqualificazione urbana

Il progetto urbanistico traccia le linee guida di impostazione per l’attuazione delle previsioni urbanistiche definite nel Piano di Governo del Territorio (Pgt) del Comune di Campione d’Italia. La proposta è quella di risolvere lo spazio antistante la nuova struttura del Casinò resosi libero dalla demolizione del vecchio edificio del Casinò.

Il Piano Particolareggiato, assumendo gli obiettivi e finalità indicati dal Documento di Piano, si inserisce in un quadro di riassetto urbano della parte più centrale di Campione d’Italia, con la finalità di creare nuove condizioni insediative e una migliore fruibilità dello spazio pubblico, soprattutto del rapporto tra contesto urbanizzato e fronte lago, nonché nella costruzione di una nuova dialettica tra nuovo casinò e tessuti urbani immediatamente adiacenti (Villa Mimosa).

 

Masterplan per un nuovo assetto della città di Samarate (VA) (con arch. Patricio Enriquez)

Il Masterplan è stato realizzato nell’ambito della ricerca condotta dal Dipartimento di Progettazione dell’Architettura della Facoltà di Architettura Civile di Milano Bovisa, sotto la responsabilità tecnico scientifica del Prof. Sergio Brenna

La nuova organizzazione spaziale che si propone per il territorio della città di Samarate si fonda secondo le seguenti tematiche progettuali: – l’asse infrastrutturale di riorganizzazione della viabilità locale; – le nuove centralità urbane; – la rete delle piste ciclabili; – i parchi lineari di ricomposizione del sistema della connettività ambientale e corridoio ecologico. Queste tematiche progettuali sono gli elementi costitutivo dei due grandi sistemi territoriali: il sistema urbano della ricomposizione della città lineare ed il sistema ambientale delle relazioni tra ambito rurale ed ambito urbano, che a loro volto sono intrecciati e relazionati attraverso il sistema principale delle connessioni ambientali degli ambiti naturali.

In sintesi questo “Masterplan” promuove la costituzione di tre grandi sistemi: 1) Sistema urbano della ricomposizione della città lineare; 2) Sistema ambientale delle relazioni tra ambito rurale ed ambito urbano; 3) Sistema principale delle connessioni ambientali degli ambiti naturali.

 

Torre per telecomunicazioni, Sogliano al Rubicone (FC) (con arch. Patricio Enriquez)

Il progetto ricerca le regole costruttive di una possibile ricomposizione tra opera antropica e natura, cercando allo stesso tempo di ridare un carattere insediativo alle infrastrutture tecnologiche e di arricchire il contesto in cui si inseriscono. Il territorio con cui ci si confronta è connotato dalle aree calanchive e dalla non presenza del costruito. Il progetto, quindi, non si limita solo a soddisfare una domanda di insediamento nel campo delle telecomunicazioni, ma soprattutto, a valorizzare e preservare l’equilibrio naturalistico esistente, mediante la costruzione di una struttura/infrastruttura che contemperi anche alle esigenze di tutela naturalistica.

 

Concorso internazionale di idee per l’ampliamento e la riqualificazione ambientale del parco Idroscalo di Milano (con DA centro per il disegno ambientale, arch. Maurizio Aroldi, arch. Patrizia Pozzi).  Menzione speciale

 

Per l’Unione Confcommercio di Milano, Studio sulla distribuzione del sistema commerciale nel territorio comunale volto alla definizione di aree pedonalizzabili in relazione ad analoghe  esperienze straniere.

 

Vie di Contatto, Cesano Maderno (MB), Desio (MB), Parco delle Groane, Parco del Grugnotorto-Villoresi

Tutela e valorizzazione delle aree libere tra l’urbanizzato

Il progetto “Vie di Contatto” si sviluppa in una delicata e importante fascia di collegamento tra due direttrici di connessione ecologica che permettono la messa in relazione tra il Parco delle Groane, il PLIS Grugnotorto Villoresi e le aree libere di interesse ambientale situate tra i comuni di Cesano Maderno e Desio per garantire, infine, anche il collegamento con il Parco Regionale Nord Milano e stabilire in tal modo una connessione stabile tra due parchi regionali.

Intervenire su questa specifica ed stretta area significa ritagliare e preservare all’interno dello spazio urbano degli ambiti in grado di far penetrare la naturalità circostante nella città, favorendo in tal modo l’entrata della natura e dei paesaggi extraurbani all’interno dell’urbanizzato.

Gli interventi si costituiscono come combinazione di volumi arborei e arbustivi localizzati sia lungo le fasce laterali del tracciato viario, sia all’interno di eventuali aree intercluse dagli incroci stradali, da cui poi si possono dipartire, raccordare o svilupparsi altri interventi di maggiore consistenza naturalistica e paesistica. Da queste riflessioni nasce l’individuazione del termine “boulevard naturalistico”.